Visualizzazione post con etichetta Contorni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Contorni. Mostra tutti i post

martedì 15 agosto 2017

“BÔN APTIT” (antipasto piemontese d'altri tempi)


La cucina piemontese sa essere molto gustosa e con i suoi piattini birichini alza così non solo il livello dell'appetito, ma anche quello del buon umore che consegue alla soddisfazione. Questa conserva (ideale per mettere da parte le verdure in sovrabbondanza dell'orto estivo) con aggiunta di tonno sotto olio, capperi e olive diviene il famoso antipasto “bôn aptit”, ma pure al naturale, è ideale per accompagnare il bollito di carne. Allora non ci resta che aururare il buon appetito, “bôn aptit” appunto!


martedì 28 febbraio 2017

GRATIN DI ORTAGGI BRASATI (SENZA GLUTINE)



Il nome del piatto fa pensare che la "ricettina" me l'abbia passata il cuoco della mensa di una casa di cura o di un asilo... Ma si sa che la bontà e sapidità del piatto dipendono tanto dagli ingredienti scelti che dalla preparazione; questa inoltre si presta bene a diverse variazioni: mettete i formaggi e i vegetali che vi piacciono di più; consumatelo come un piatto quasi completo a pranzo o a cena; altrimenti è un contorno complesso da valutare bene per abbinarlo a un secondo adeguato, in questo caso sarà sufficiente per 8/10 persone.

martedì 12 luglio 2016

TIELLA DI PATATE, CIPOLLE E POMODORI






Un contorno semplice, ma la tiella è sempre la tiella e come per un gioco di prestigio trasforma pochi e umili ingredienti in un contorno appetitoso o un "piatto unico" vegetariano.

mercoledì 23 marzo 2016

CAVOLFIORE AL FORNO





Semplicissimo e appetitoso, accompagnato da una fetta di pane e seguito da un frutto può essere considerato un pasto completo, appagante, ma leggero.

Preparazione

Prendete un cavolfiore, lavatelo bene e tagliatelo a fette; adagiatelo in una teglia coperta con carta da forno, salatelo, spolveratelo con curry e pepe o paprica, aggiungete un filo d’olio e infornate a 200° per 15 minuti, poi girate le fette di cavolfiore e infornate ancora per altri 15 minuti. Prima di sfornare comunque  controllare con una forchetta se il livello di cottura è soddisfacente. Servite aggiungendo del prezzemolo fresco o del coriandolo e un giro di olio d’argan o extra vergine di oliva e succo di limone.